< The manufacturer of illusions.

Blogs I follow:

Oh mammà, come se fà? Ce dicono de’ vivè da morti e poi resuscità!

- Alessandro Mannarino, Serenata Lacrimosa

E per una notte di vino pagherò cento giorni d’aceto..

- Alessandro Mannarino, L’amore nero. 

Me ‘Nnamoro de te

Aoh, che c’e, nessuno te conosce come me…
ho già capito tutto, da quanno t’hanno detto che so’ matto,
c’hai paura de qualche mia pazzia, magari che de botto vada via
ma all’età mia, ‘ndo vado?
Io so’ ‘n guerriero che sta riposanno
dopo che ha rivortato mezzo monno
ma ormai c’ho er doppio petto e la cravatta
'ndo voi che vada viè , nun fa la matta.
Tu ormai pe’ me sei l’ultima occasione;
sei giovane; sei bella e me stai bene,
te pare poco dì, te pare poco, nun devi ave’paura io nun gioco,
io qui sto rilassato e chi se move,
fori fa pure freddo e come piove…
Me ‘nnamoro de te se no che vita è
Lo faccio ‘n po’ pe’ rabbia, un po’ pe’ nun sta solo
come sta solo ‘n omo nella nebbia
perché nun po’ parla’ manco cor cielo…
Me ‘nnamoro de te lo devo fa’ pe’ me
me serve ‘n’ emozione come me serve er pane
'sta vorta ce la vojo mette' tutta
me devo ‘nnammora’ vado de fretta…
Me ‘nnamoro de te se no che vita è
sei l’urtima rimasta devi esse’ quella giusta
senza sforzamme già te vojo bene
spero che duri ‘n po’ de settimane…
Io qui sto rilassato e chi se move
fori fa’ pure freddo e come piove…

- Franco Califano.

Non mi prendere mai sul serio quando ti dico di lasciarmi. Tienimi, ti prego tienimi.

- Margaret Mazzantini, Non ti muovere.

,,

La scrittura è meravigliosa proprio perché è completamente soggettiva.

Leggere una frase a voce alta le fa perdere la sua magia.

Ad esempio:

io ora potrei scrivere

Me ne vado.

Ed ora arriva il bello: questa frase può essere letta in

mille

modi diversi.

Ecco il nostalgico, che la enuncia con un mezzo sospiro.

Ecco il viaggiatore, con in mano la valigia, che la urla fiero, guardando il suo futuro.

Ecco il cuore spezzato, che guarda il proprio amore ormai perso e, piangendo, butta fuori queste parole.

Ecco l’indeciso, che vi aggiunge un punto interrogativo: è solo una delle sue tante domande.

Ecco il patriottico, costretto ad allontanarsi, che scruta ogni via della sua città e, ormai arreso, si ripete la frase nella mente, voltando le spalle a ciò che mai più gli apparterrà.

Ecco il supereroe, che la pronuncia con occhi puntati al cielo, dopo il suo ultimo gesto di generosità.

Ecco il capitano, che guarda la propria nave affondare e, forte e deciso, capisce che sia meglio abbandonarla.

Ecco il figlio, che parla alla madre con gli occhi fissi nei suoi, zaino in spalla e biglietti aerei in mano, pronto a costruirsi la propria vita.

Ecco il politico, che si dimette per il benessere del Paese.

Ecco il padre di famiglia, che non ha altro modo per guadagnare soldi e, stringendo la manina del figlio, aggiunge che tornerà presto.

Ecco il sognatore, che lo ripete ogni giorno, pur costretto a rimanere incatenato alla realtà.

Ecco l’anziano cantante che, dopo una lunga carriera di lavoro, lo grida dall’ultimo palcoscenico sul quale mai salirà.

Ed ecco il finito

finito completamente

-ha mangiato solo delusioni, potete capire-

che lo dice con gli occhi umidi

le mani giunte

il cuore vuoto;

steso sulle rotaie

il treno arriva

e se ne va.

linearetta (via linearetta)

(via due-lupi)